Home / News e Media / Notizie / Covid, niente più sospensione per i donatori che rientrano dai paesi Ue

Covid, niente più sospensione per i donatori che rientrano dai paesi Ue

Niente più sospensione di 14 giorni per i donatori di sangue che rientrano da un viaggio nei Paesi dell’Unione Europea (Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria), negli Stati parte dell’accordo di Schengen (Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera), in Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del nord, Andorra, Principato di Monaco, Repubblica di San Marino e Stato della Città del Vaticano.

E niente più sospensione anche per chi si sposta all’interno del territorio nazionale, a meno che lo spostamento non riguardi le aree per le quali è previsto un provvedimento di sanità pubblica consistente nell’isolamento fiduciario domiciliare, ovvero le cosiddette “mini-zone rosse”.

Lo prevede una circolare rilasciata dal Centro Nazionale Sangue che aggiorna le misure per prevenire la diffusione del Covid.  Si tratta di misure prese unicamente a scopo precauzionale perché ad oggi non risultano casi documentati di diffusione del Covid per via trasfusionale.

La sospensione di 14 giorni resta in vigore per i donatori che sono stati a contatto con persone con infezione documentata da Sars-CoV-2 e per chiunque abbia manifestato sintomi assimilabili al Covid, anche se i sintomi si sono risolti da soli o dopo una terapia.

Si ricorda a chiunque voglia donare il sangue:
- che è preferibile contattare il servizio trasfusionale o l’unità di raccolta di riferimento e prenotare la donazione per evitare assembramenti,
- di avvertire il medico responsabile della donazione dei vostri spostamenti e di eventuali sintomi sospetti avuti nelle settimane precedenti
- di avvertire, una volta donato il sangue, la struttura di riferimento qualora insorgano sintomi assimilabili al Covid o vi sia una diagnosi certificata nei 14 giorni successivi alla donazione.



Data di pubblicazione: 23 giugno 2020 , ultimo aggiornamento 23 giugno 2020


Condividi


NEWS E MEDIA

Notizie - 23 giugno 2020

Covid, niente più sospensione per i donatori che rientrano dai paesi Ue

Notizie - 12 giugno 2020

I giovani tornano a donare ma l’età media è sempre in crescita

Notizie - 5 maggio 2020

Terapia a base di plasma iperimmune: ecco come funziona


.