Home / Dedicato a... - Tatuaggi e piercing

Tatuaggi e piercing

immagine tratta da infografica sul tema


Al contrario di quanto credono in molti, chi ha un tatuaggio o un piercing può donare il sangue, ma non può donarlo subito.

Il periodo di sospensione

L’aspirante donatore o il donatore abituale dovranno aspettare 4 mesi dal momento della realizzazione del tatuaggio, del piercing o di altre procedure assimilabili come l’agopuntura.

Il motivo

Non essendo possibile accertare che nelle procedure indicate siano state rispettate tutte le norme igieniche e sanitarie, bisogna considerare l’ipotesi che la strumentazione utilizzata potrebbe essere veicolo di infezioni.
L’intervallo di 4 mesi serve a far passare quello che viene comunemente definito "periodo finestra", ovvero l’intervallo di tempo che passa dal momento del contagio a quando il virus diventa effettivamente rilevabile tramite un apposito test.

Il consiglio

Fatte salve le disposizioni di sicurezza, il consiglio è: affidarsi sempre a operatori in possesso dell’idoneità igienico-sanitaria e abilitati a operare in un locale autorizzato e assicurarsi in prima persona dei livelli di igiene della struttura scelta.


Per maggiori informazioni consulta la pagina Tatuaggi del sito ISSalute


Data di pubblicazione: 12 giugno 2019 , ultimo aggiornamento 12 giugno 2019


Condividi


NEWS E MEDIA

Notizie - 21 ottobre 2019

Sangue, nel 2018 raggiunta l’autosufficienza con solidarietà tra regioni

Notizie - 15 ottobre 2019

Influenza, riparte la vaccinazione per i donatori

Notizie - 6 settembre 2019

Sangue, dal 2017 sempre meno carenze estive


.